Storia del quoziente intellettivo (QI)

Creato all'inizio del XX secolo per analizzare gli studenti in difficoltà e fornire loro un sostegno, il concetto di QI è stato oggetto di molte critiche, metodologiche e psicometriche, o teoriche (discussioni sulla natura dell'intelligenza).

Il calcolo di un quoziente intellettivo è stato ideato dallo psicologo tedesco William Stern. Nel 1905 fu pubblicata la prima scala di misurazione dell'intelligenza, la Scala metrica dell'intelligenza di Alfred Binet e Theodore Simon, o test di Binet e Simon. Questa scala viene utilizzata per determinare l'età mentale di un bambino. L'età mentale corrisponde alla fascia d'età nella quale il partecipante ha superato tutti i test. Così un bambino di 10 anni che mostra gli stessi risultati di un bambino medio di 12 anni ha "un'età mentale di 12 anni".

Il Quoziente Intellettivo di Stern (in seguito definito anche "QI classico") è un quoziente calcolato confrontando l'età reale (cronologica) del bambino con la sua età mentale. Il QI è uguale al rapporto tra l'età mentale e l'età cronologica e moltiplicato per 100. Così, nell'esempio precedente, un bambino di 10 anni che raggiunge un'età mentale di 12 anni ottiene un QI di: (12 / 10) Ⅹ 100 = 120.

Progettato per rilevare e aiutare i bambini in difficoltà, questo calcolo non è efficace nella valutazione del QI negli adulti.